Associazione Ligure Giornalisti

Primo Piano

ORIGONE 20-1-2021

Condannati gli agenti che pestarono Stefano Origone

febbraio 10, 2021 No Comments

Il tribunale di Genova ha condannato i quattro agenti del Reparto Mobile di Bolzaneto protagonisti – il 23 maggio del 2019 – del brutale pestaggio ai danni di Stefano Origone, cronista della redazione genovese di Repubblica. 

Anche la verità processuale, quindi, ha accertato la responsabilità – sia pure colposa – dei quattro imputati e confermato quanto già subito evidente nell’immediatezza dei fatti: Stefano Origone era laddove il dovere di fare di cronaca gli imponeva di essere ed è stato vittima di un pestaggio che non ha cittadinanza nell’ordinamento democratico. Si conferma che il lavoro dei giornalisti – al pari di ogni altro – non è mai esente da rischi, ma l’esigenza di raccontare, documentare un fatto non è temeraria o imprudente ma bensì fondamentale per soddisfare il diritto dei cittadini ad essere informati.

Il sindacato dei giornalisti della Liguria, sostenuto dalla Federazione nazionale della stampa italiana, e l’Ordine dei giornalisti della Liguria esprimono soddisfazione per la sentenza e ringraziano i colleghi che ancora ieri hanno presidiato la sede del tribunale rinnovando solidarietà e vicinanza al collega e una richiesta di giustizia che non riguardava solo la tutela di un giornalista e del diritto di fare cronaca, ma una più profonda necessità di non lacerare il patto di fiducia tra cittadini e tutori dell’ordine.

 

Associazione Ligure dei Giornalisti

Il segretario, Fabio Azzolini

 

Ordine dei Giornalisti della Liguria

Il presidente, Filippo Paganini

Le condoglianze del Gruppo ligure Pensionati

gennaio 21, 2021 No Comments

La scomparsa di Natalino Famà lascia un grande vuoto nel Gruppo Ligure Giornalisti Pensionati, del quale era componente del Consiglio direttivo. Un cronista di razza, che aveva portato nel sindacato l’entusiasmo e la partecipazione propositiva che da sempre lo contraddistinguevano. Alla moglie Piri e la figlia Beatrice le più sentite condoglianze.

È morto Natalino Fama’

gennaio 21, 2021 No Comments

È morto Natalino Fama’. Giornalista del Secolo XIX, pensionato, protagonista dell’impegno sindacale per la libertà e l’autonomia dell’informazione e per la dignità del lavoro.

Un cronista purosangue, erede di una generazione di giornalisti capaci di risalire da un mattinale della questura alla definizione di un fatto di cronaca che diventava anche racconto di un pezzo della società.

Leale e positivo, Natalino è stato per tanti anni protagonista della vita sindacale. In pensione, non aveva rinunciato a dare il proprio contributo al sindacato e al gruppo cronisti.

Alla moglie, signora Piri, e alla figlia Beatrice le condoglianze del sindacato dei giornalisti della Liguria.

 

Ultimi articoli

È morto Natalino Fama’

gennaio 21, 2021 No Comments

È morto Natalino Fama’. Giornalista del Secolo XIX, pensionato, protagonista dell’impegno sindacale per la libertà e l’autonomia dell’informazione e per la dignità del lavoro.

Un cronista purosangue, erede di una generazione di giornalisti capaci di risalire da un mattinale della questura alla definizione di un fatto di cronaca che diventava anche racconto di un pezzo della società.

Leale e positivo, Natalino è stato per tanti anni protagonista della vita sindacale. In pensione, non aveva rinunciato a dare il proprio contributo al sindacato e al gruppo cronisti.

Alla moglie, signora Piri, e alla figlia Beatrice le condoglianze del sindacato dei giornalisti della Liguria.

 

unnamed

Licenziato alla vigilia di Natale, Alg: “Saremo al fianco del collega in ogni sede”

dicembre 24, 2020 No Comments

Vigilia di Natale dell’anno più tribolato di questo millennio ancora giovane ma che già aveva colpito duramente con la crisi economica del 2008, la più lunga e acuta della storia.

CASAGIT_PRES_Layout 1

Convenzione Casagit-Fnsi: la verità dei numeri e le mistificazioni di chi vuole colpire il sindacato

dicembre 22, 2020 No Comments

Sulla ridefinizione della convenzione tra Casagit e Fnsi sette componenti del Cda e dodici fiduciari regionali fanno chiarezza sulla mozione approvata in assemblea