Associazione Ligure Giornalisti

La disinformazione di tromboni della categoria sulla pelle dei giornalisti precari viaggia più veloce di ogni virus

marzo 18, 2020 News, Primo Piano, Ultimi articoli No Comments
c29ef63e3456e7093e21e1d8e11f0dcd

Grazie al lavoro continuo della Federazione nazionale della stampa italiana, i giornalisti autonomi hanno ottenuto una tutela pari a quella di tutti i liberi professionisti e un implicito riconoscimento del ruolo centrale dell’informazione da parte del Governo.

Il merito va riconosciuto a chi, a partire dalla segreteria Fnsi, con impegno costante e quotidiano, ha mantenuto la barra dritta, senza lanciarsi in sparate propagandistiche o promesse irrealizzabili da consumarsi ancora una volta sulla pelle dei colleghi freelance e precari.

Ma la disinformazione serpeggia più del virus. Ne sono responsabili alcuni tromboni che – mentre la Fnsi era impegnata a valutare con il Governe misure di sostegno ai lavoratori autonomi – hanno cercato di far passare un messaggio ingannevole e opportunista.

A questi tromboni, chiediamo di evitare di divulgare informazioni false e infondate a proprio uso e consumo (che dimostrano malafede), e documenti dai quali si evince che non hanno nemmeno letto il testo definitivo del decreto “’Cura Italia”. Il provvedimento prevede per i professionisti ordinistici la costituzione di un Fondo per il reddito di ultima istanza, uno strumento per il riconoscimento di una indennità economica a questi lavoratori. Ora il ministero del Lavoro, entro 30 giorni, dovrà emanare un decreto ad hoc alla cui definizione concorreranno gli istituti previdenziali, Inpgi compreso.

La nostra non è e non sarà mai una gara a chi la spara più grossa. Ci troviamo in un momento in cui è richiesta a tutti serietà e responsabilità. Ci sono persone che hanno lavorato per giorni e continueranno a farlo in silenzio e con onestà. Non lasciamo che il loro sforzo per la categoria sia confuso con le manie di protagonismo elettorale di pochi.

giornalisti autonomi, precari e freelance – #ControCorrente


0 comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *